CIRCO KAFKA

produzione Teatro Metastasio di Prato

TPE Teatro Piemonte Europa

Circo Kafka

dal processo di Franz Kafka

con Roberto Abbiati

e la partecipazione di Johannes Schlosser

regia di Claudio Morganti

musiche a cura di Claudio Morganti e Johannes Schlossr

 

Lo spazio scenico è un surrogato di circo. È il dramma di K, o forse la commedia di K, che si sveglia e trova poliziotti vestiti di tutto punto nella sua camera.Alle persone che ogni giorno si alzano per andare a lavorare, cose del genere possono anche succedere (e possono succedere anche ai ladri di polli ma ai delinquenti blasonati no, lì è più difficile perché loro comandano).

Dunque, una mattina K si sveglia e trova due poliziotti vicino al suo letto.“Beh spiegatemi il motivo della vostra invasione in camera mia!”“Niente. Proprio niente, non possiamo dirle niente”.

Kafka immaginò questa situazione negli anni venti e oggi potremmo anche riderne pensandoci, ma se ci pensiamo un po’ meglio oggi è come allora e oggi non c’è proprio niente da ridere.Puoi bussare alla porta del tuo giudice insistentemente, bussare all’aula di giustizia nascosta in una soffitta, ti può capitare che la giustizia ti riceva ma non ti informa di nulla. Nulla, e tu aspetti in silenzio.E tutto diventa un circo di marionettee animali impagliati.

E nel circo accoltellano K, che per l’occasione si è messo i guanti bianchi. Nel circo degli animali impagliati la giustizia si diverte.